ROCHEMP – ARMENIA: Creazione di un Centro Regionale per la Conservazione, la Gestione e la Valorizzazione del Patrimonio Culturale

Il progetto di cooperazione internazionale nel campo della gestione, conservazione e comunicazione del patrimonio culturale armeno

Il progetto di cooperazione internazionale nel campo della gestione, conservazione e comunicazione del patrimonio culturale armeno. Il progetto si articola attraverso cinque aree tematiche fondamentali (Gestione, Formazione, Normativa, Comunicazione, Regional-Hub), con la formazione diretta del personale del Centro e di esperti locali e regionali, secondo i principi e gli standard vigenti in ambito europeo. Il progetto coinvolge docenti, ricercatori e personale tecnico del Dipartimento di Beni Culturali, del Dipartimento di Architettura, del Dipartimento di Storia, Culture e Civiltà e del Centro di Studi Avanzati per il Turismo, che forniranno le loro competenze e conoscenze nel campo del restauro, del rilievo e della progettazione d’intervento, della diagnostica, della Digital Heritage e della valorizzazione turistica del patrimonio culturale, attraverso la realizzazione di corsi di formazione permanente per esperti locali e regionali, conferenze, workshop, tavole rotonde e seminari e attività pratiche di training on-the-job.

Responsabile scientifico

Mariangela Vandini

Professoressa associata

Research Team

Tania Chinni

Assegnista di ricerca

Federico Fallavollita

Professore associato

Sara Fiorentino

Professoressa a contratto

Assegnista di ricerca

Alessandro Iannucci

Professore associato

Chiara Matteucci

Cat. D - area tecnica, tecnico - scientifica ed elaborazione dati

Marco Pretelli

Professore ordinario

Anna Sirinian

Professoressa associata

Laura Vici

Ricercatrice confermata

Alessia Zampini

Professoressa a contratto

Assegnista di ricerca

Partners: Ministero dell’Educazione, della Scienza, della Cultura e dello Sport della Repubblica di Armenia, Dipartimento di Architettura, Dipartimento di Storia Culture Civiltà, Centro di Studi Avanzati per il Turismo.

Torna su